mistico’s web blog …

Si quasi non ci volevo credere quando mentre girovagavo nello shopping online di euronics alla ricerca di un buon lcd mi imbatto in questa immagine:

si è proprio come pensate: comprate uno dei nostri computer in offerta e noi vi regaliamo 24 lattine di un energy drink! Ma, personalmente trovo assurdo che possa servire a convincere la gente a spendere 1000 EURO di notebook ma magari nel dubbio…voi che dite?

 

 

 

Innamorato come sono della grafica di Mac Osx, stufo del mio ubuntu Feisty mi sono fatto un giro cercando qualcosa di accattivante e mi sono imbattuto nel blog di tamila.

Questa guida è basata su quella di Lauri, tradotta e semplificata in italiano.

Iniziamo col dire che la guida non è brevissima e forse nemmeno alla portata di tutti ma dopo questo screenshot credo che chiunque ci vorrà provare:

Ubuntu Desktop like osx

Leggi il seguito di questo post »

Weinstadt – La società tedesca InnoTek ha aggiornato il proprio VirtualBox, uno dei pochi software di virtualizzazione commerciali per Windows e Linux di cui sia disponibile il codice sorgente.

L’ultima release, la 1.5.0, implementa per la prima volta una funzionalità chiamata seamless windows simile alla Coherence di Parallels o alla Unity di VMware: attivabile dall’utente per mezzo di una semplice combinazione di tasti, permette di far girare le applicazioni Windows fianco a fianco con quelle Linux.

Leggi il seguito di questo post »

Forse ne avrete già sentito parlare, ma siccome ritengo sia un iniziativa veramente lodevole, anche io voglio fare la mia parte!

Leggi il seguito di questo post »

Roma – Joel Adams, professore del Calvin College nel Michigan, e il suo studente Tim Brom hanno realizzato il più piccolo e economico supercomputer in circolazione: Microwulf, chiamato così rifacendosi al celebre poema epico anglosassone, è costato 2470 dollari ma è in grado di erogare la bellezza di 26 gigaflop di capacità di calcolo: una potenza doppia rispetto al mitico Deep Blue prodotto da IBM nel 1997 per battere il campione di scacchi Garry Kasparov e che costò all’epoca la bellezza di 5 milioni di dollari.

La tecnologia alla base di Microwulf è nota: un cluster Beowulf viene comunemente assemblato impiegando vecchi componenti che spesso giacciono abbandonati sulle scrivanie o negli armadi dei dipartimenti accademici. Due o più unità di elaborazione vengono accoppiate per fare fronte a tipologie di elaborazione parallela che normalmente non sarebbero alla portata di un comune personal computer.

Il microcosoIl lavoro di Adams e Brom (nella foto con Microwulf), tuttavia, è stato molto più preciso e dettagliato: grazie ad un finanziamento di 2500 dollari dalla loro università, i due si sono messi alla ricerca della migliore combinazione di hardware possibile per costruire il proprio monster personale. Quattro schede madri microATX, quattro processori AMD Athlon 64 ed un totale di otto gigabyte di RAM, oltre ovviamente ad alimentatori, dissipatori e quattro schede ethernet da un gigabit per mettere in comunicazione le quattro unità.
Leggi il seguito di questo post »

Si lo so che lo sapete tutti 🙂

il 5 settembre, tra due giorni, si terrà il consueto Apple special event nel segno di “Ipod”.

n questi giorni sono circolate in rete immagini relative a quello che potrebbe essere il nuovo iPod Nano.
Non a tutti, compreso il sottoscritto, però piaceva molto. Sarà che, molto spesso, in questi casi, le immagini sono sfuocate, rovinate, fatte che peggio non si può e, alla fine, il prodotto presente in esse può apparire diverso da quello che in realtà è.

più lo guardo e meno mi piace, spero sia un abile lavoro di photoshop!

la sorpresa dovrebbe essere il nuovo ipod video che secondo i rumorsavrà uno scehrmo touchscreen simil iphone.

C’è anche chi dice che il nuovo nano implementerà un player video..ma io dico! che me ne faccio di un player video con uno scehrmo del genere!

speriamo siano soltanto rumors..voi che ne pensate?

Roma – All’entusiasmo con cui era stata accolta in rete la sentenza d’appello seguiranno ora sentimenti ben diversi: la Corte di Cassazione ha stabilito che vendere mod chip per Playstation è illegale (sentenza n. 33768), dando così ragione alle tesi di Sony.
Leggi il seguito di questo post »