mistico’s web blog …

Archive for dicembre 2006

“Ho sempre pensato a quanto fosse noioso ogni volta che il calcolatore avesse dei problemi fare la “formattazione” con relativa installazione del Sitema operativo.
Tempi lunghi ma soprattutto una volta terminato bisognava ripristinare tutti i driver per far riconoscere gli hw al SO, riaggiornare windows xp al SP2 con relativi HOTFIX successivi per la sicurezza, rimettere programmi vari, pacchetto office….e via dicendo.
minimo una mattinata di lavoro.
ma allora è possibile creare un CD di windows XP aggiornato ad oggi, con tutti i driver che ci servono, e che installi i nostri programmi preferiti in automatico? e soprattutto e possibile personalizzarlo, alleggerirlo, togleire quella cosa che abbiamo sempre odiato?….
..bhè la risposta è si!”

La guida che seguirà è il frutto delle mie ricerche e soprattutto dei miei tentativi!
Per tanto non mi ritengo responsabile di evntuali malfunzionamenti.
Leggi il seguito di questo post »

Annunci

K-Lite Mega Codec Pack 1.62/Codec Pack 2.81

K-Lite Mega Codec Pack e K-Lite Codec Pack sono due ottime collezioni di codec ch ei permetteranno di riprodurre moltissimi formati audio video;

  • K-Lite Mega Codec Pack implementa il K-Lite Codec Pack Full, QuickTime Alternative, Real Alternative (che a loro volta implementano il Media Player Classic)
  • K-Lite Codec Pack Basic implementa i codec essenziali per la visione degli Mpeg4 (DivX/XviD)
  • K-Lite Codec Pack Standard implementa tutto il necessario per la visione dei formati audio/video più utilizzati
  • K-Lite Codec Pack Full implementa quasi tutti i codec esistenti, con supporto alla codifica audio/video

Home Page CodecGuide
Sistema Operativo 98/ME/NT/2000/XP/2003
Licenza Freeware
Download K-Lite Mega Codec Pack 1.62 [ 30.0 MB ] Installer
Download Codec Pack 2.81 Basic/Standard/Full [ 3.49 – 18.5 MB ] Installer

Per capire meglio cosa è il DNS è qual’è la sua funzione:…


Domain Name System (spesso indicato con DNS) è un servizio di directory, utilizzato soprattutto per la traduzione di nomi di host in indirizzi IP.

Il servizio è realizzato tramite un database distribuito, costituito dai server DNS.

La possibilità di attribuire nomi simbolici agli indirizzi IP degli host è essenziale per l’usabilità di Internet, perché gli esseri umani trovano più facile ricordare nomi testuali, mentre gli host ed i router sono raggiungibili utilizzando gli indirizzi IP numerici.

Inoltre è possibile attribuire più nomi allo stesso indirizzo IP, per rappresentare diversi servizi o funzioni forniti da uno stesso host. Un utilizzo molto popolare di questa possibilità è il cosiddetto virtual hosting basato sui nomi, una tecnica per cui un web server dotato di una singola interfaccia di rete e di singolo indirizzo IP può ospitare più siti web, usando l’indirizzo alfanumerico trasmesso nell’header HTTP per identificare il sito per cui sito viene fatta la richiesta.

I nomi DNS, o “nomi di domino”, sono una delle caratteristiche più visibili di Internet.

C’è molta confusione in merito alla sua definizione, visto che la S spesso viene immaginata stare per service, ma la definizione corretta è system.

Dopo le molte segnalazioni arrivate a telecom di malfunzionamento e saturazione della rete ADSL in molti hanno espresso la propria opinione sull’accaduto. Secondo quanto detto dal TG5 in un servizio di qualche giorno fa la colpa è da ricercare in nuovi malware provenienti dal nrasile che attaccano i provider telecom. C’è chi ha parlato di allarmismo e chi come Stefano Quintarelli crede che sia soltanto un piccolo “antipasto” dei problemi che ha la rete DSL italiana.
A mio modesto parere tutto è peggiorato da quando la telecom ha “promesso” a tutti i suoi clienti wholesale di passare la flat da 640Kb/s a 2Mb/s in maniera gratuita entro il 2007. Le Centraline già più che sature e fuori capienza massima stanno collassando e la richiesta di contratti adsl è sempre maggiore. Quindi la campagna Telecom è quella di fare sempre più contratti senza intervenire sulla situazione a dri poco critica delle nostre reti.

Punto informatico dopo l’articolo della Repubblica ha presentato la sua possibile soluzione:
Leggi il seguito di questo post »