mistico’s web blog …

Windows XP Ottimizzazione

Posted on: settembre 23, 2006

La guida nasce con l’intento di apportare un piccolo contributo agli utilizzatori dell’ultimo sistema operativo di Microsoft, in modo che tutti, esperti e non, possano avvantaggiarsi delle migliorie apportate da questi tweaks.
Per renderla maggiormente consultabile, la dividerò in capitoli, da seguire scrupolosamente in quest’ordine, al fine di ottenere un’installazione stabile e veloce.
Considerando ovvia la ricerca in proprio dei driver più aggiornati per la configurazione hardware in possesso, così come l’aggiornamento alla versione del Bios che fornisca le migliori prestazioni fruibili dal sistema, salto subito al resoconto per quello che riguarda il passo iniziale:
La preparazione all’installazione del sistema operativo.
Non mi addentro volutamente nei “meandri” del Bios, poiché non è questo lo scopo della guida, se non per raccomandarvi di impostare, per ora, solo quei parametri di cui sapete che non ne usufruirete le funzionalità: mi riferisco all’audio integrato, alla LAN, al video integrato, alle porte seriali e parallele, diventate ormai obsolete ed in molti casi non più utilizzate; questo per evitare affollamenti e conflitti tra le risorse IRQ, causate dalla presenza di troppe periferiche da gestire.
Soprattutto, assicuratevi che la voce Plug&Play OS nel bios sia settata su NO.
Per quello che concerne l’installazione del sistema operativo, pongo in rilievo tre accorgimenti particolari:

Impostazione del Sistema Operativo come Pc Standard

Inserimento preventivo dei driver per il controller raid, se parte integrante dell’hardware della scheda madre che possedete e, se ATA133: l’ATA100 è correttamente riconosciuto dal sistema operativo

Formattazione al file system nativo di Windows Xp: l’NTFS

l’ACPI

L’ACPI (Advanced Configuration Power Interface) è, sulla carta, in grado di garantire una migliore gestione del risparmio energetico sfruttando i sistemi operativi che supportano l’OSPM (OS Direct Power Management), i quali permettono al sistema operativo stesso di bypassare certe funzionalità del bios in modo da gestire in modo diretto le periferiche del computer; per farvi un esempio potete settare la gestione del disco rigido di modo che vada in una modalità, detta “sospensione”, se i dati presenti nell’hard disk non vengono utilizzati per un periodo di tempo prestabilito.
D’altro canto, l’Advanced Configuration Power Interface, se gestito dal sistema operativo, non permette la gestione manuale degli IRQ: in caso di problemi di condivisione per la gestione IRQ, non potrete porvi rimedio in alcun modo, giacché sarebbe disabilitata la possibilità d’intervento manuale.
A questo proposito, gli utenti più smaliziati di Windows 2000, sono soliti impostare il pc disabilitando l’ACPI, dal momento che questo sistema operativo non lo gestisce al meglio; Windows Xp, al contrario, lo gestisce ottimamente.
Sarà per abitudine o precauzione, personalmente preferisco in ogni caso avere la facoltà di gestire direttamente le risorse IRQ.
Ultima nota al riguardo: questo tipo di configurazione comporta, come unico effetto collaterale, lo spegnimento del computer in modalità manuale…quindi decidete voi se è troppo…faticoso!
Colgo l’occasione per ringraziare Kurst per averci segnalato la possibilità di assegnare lo Standard Pc durante l’installazione e non ad installazione avvenuta (così facendo eviterete d’installare un bel po’ di librerie, servizi e chiavi di registro che rimarrebbero inutilizzati).

Installazione del Sistema operativo

Procedete quindi con l’installazione, facendo attenzione al punto in cui vi apparirà la seguente scritta (praticamente ad inizio installazione):
“Premere F6 per installare driver SCSI o RAID di terze parti”
Dovrete premere immediatamente il tasto F5 ed il tasto F6 in successione: vedrete, dapprima, comparire un menu nel quale avrete la possibilità di scegliere il tipo d’installazione preferito:
Selezionate PcStandard.
In seguito, per risposta alla precedente pressione del tasto F6, avrete la possibilità d’installare i driver del controller raid ATA 133:
preparatevi quindi un dischetto floppy contenente i driver appropriati.
Procedete, quindi, alla formattazione in NTFS.
Finita l’installazione di Windows, procediamo con l’installazione delle Service Pack disponibili al momento (ora “solo” la SP1).
Altro passaggio da eseguire nelle prime fasi dell’installazione del sistema operativo, il file di swap: esso è da fissare in una dimensione unica sia per la dimensione minima, che per quella massima: solitamente s’imposta un valore doppio al quantitativo di memoria presente nel sistema (Es.: 512 Mb di ram = 1024 Mb per il file di swap). La miglior configurazione, in questo caso, è quella di dedicargli uno spazio partizionato; prendo atto del suggerimento di Hunty, il quale dichiara più performante convertire questa partizione in FAT 16 (sicuramente da verificare).

L’installazione dei driver

Non resta che installare i driver principali; i primissimi, sono le directX;
l’ultima release, al momento, riguarda la versione 9.0.
Di seguito andremo ad installare i 4 in 1, nel caso di sistemi AMD, o l’Inf nel caso di sistemi Intel, e, dopo, i driver della vostra scheda video.
Procedete quindi con l’installazione dei driver più aggiornati per le periferiche che possedete ed infine, con l’installazione dei programmi abitualmente usati. Se avete parecchi Gb di programmi da installare (io installo sempre solo lo stretto necessario, creo un’immagine di salvataggio con Drive Image, e poi procedo con i programmi più…futili!), Vi consiglio di fermarvi, di tanto in tanto, e procedere ad una nuova deframmentazione del sistema.

Impostazioni del Sistema operativo

Avrete certamente notato che alcuni programmi installati di default da Windows Xp, sembra non possano essere disinstallati.
Ecco come fare (ognuno di voi agirà in conseguenza alle proprie esigenze):
nella cartella Windows inf c’è il file Sysoc.inf; apritelo con il Notepad e cancellate tutti gli “Hide” che vi si trovano, togliendo solo la voce stessa, e lasciando le virgole tra le quali è scritta (al tal fine, potete utilizzare il menù sostituisci).
Cliccate sull’icona Installazione Applicazioni, poi su Intallazioni di Windows e disinstallate tutti i programmi che non v’interessano, lasciando da parte, per ora, Windows Messenger, per il quale v’indico, di seguito, una procedura completa è sicura.
Avviate Messenger e togliete i vari segni di spunta alle voci che riguardano l’avvio automatico del programma.
Poi da Start/Esegui digitate il seguente comando:
RunDll32 advpack.dll,LaunchINFSection %windir%\INF\msmsgs.inf,BLC.Remove
e cliccate su OK; eventualmente vi sarà chiesto di riavviare il sistema, una volta riavviato controllate che la cartella Messenger (c:\Programmi) sia stata effettivamente eliminata; disabilitate il servizio “Messenger” in Pannello di Controllo/Strumenti d’amministrazione/Servizi, arrestandolo (senza usare le…manette!).

Riaprire quindi Installazione Applicazioni, e togliere tutte quelle applicazioni integrate in windows che non v’interessa avere, compreso, se ancora presente, Windows Messenger.
Eseguite, eventualmente, anche anche un “pulitore” di registro (personalmente uso JV16PT).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: